Antonio De Lisa- L’ultima scommessa

Antonio De Lisa- L’ultima scommessa

Personaggi

Moglie
Marito
Primo Cliente, anche Aldo
Secondo Cliente, anche Mariella
Terzo Cliente
Francesco- Gestore dell’Agenzia di scommesse “L’ultima scommessa”
Serena- Scommettitrice – Giovane allieva della scuola di teatro “L’Albero”
Proprietaria del Ristorante “Qui ti voglio”
Cameriere filippino
Caposala e Cassiere coreano


SCENA PRIMA

Un ristorante  nei pressi della Stazione Centrale di Milano

Moglie, Marito, Cameriere

Marito(Seduto a un tavolo) Non ce la faccio più …

Moglie(Frugando nella borsetta) Come hai detto, caro?

Marito– Vedi, non riesci più nemmeno ad ascoltarmi …

Moglie– Non capisco, parla pù forte …

Marito– Quando torna Maria Luisa, ne sai qualcosa? E’ ancora in giro con quell’amico inglese?

Moglie– Suppongo di sì …

Cameriere– Cosa prendono i signori?

Marito– Per me un ossobuco.

Cameriere– Cosa, “ossobuco”?

Marito– Ma come, siamo a Milano e lei non sa cos’è un ossobuco?

Cameriere– Io non Milano.

Marito– va bene, ho capito, mi dica allora cosa c’è.

Cameriere– Le porto il menu.

Marito– Ecco, bravo! (Alla moglie) Roba da pazzi, non sa cos’è un ossobuco.

Moglie– Non te la prendere caro, siamo in una zona multietnica.

Marito-Ormai tutta Milano è multietnica.

Moglie– E non è una bella cosa? E’ interessante, no?

Marito– Mi stavi dicendo di nostra figlia.

Moglie– Credo che ora siano a Venezia, volevano fare un giro, prima di venire a trovarci …

Marito– Pensi che sia una buona idea?

Moglie– Quale?

Marito– Quella di venire a trovarci …

Moglie– Gesù, Mario, è nostra figlia!

Marito– Sai cosa c’è?

Moglie– No, cosa?

Marito– E’ che mi vergogno …

Moglie– Per via di Alessandro …

Marito– Sì, forse … più in generale per questa dimesione di degrado

Moglie– Come hai detto, caro? Prova a parlare più forte …


SCENA SECONDA

Scala di collegamento tra il ristorante e l’Agenzia di scommesse

Serena– Volete vedere come faccio l’albero?

Mormorii di approvazione dalla zona sottostante, la sala dcel ristorante e da quella di sopra, l’Agenzia di scommesse.

Serena- La docente mi


SCENA TERZA

In un’altra zona del Ristorante “Qui ti voglio”

 


SCENA QUARTA

Nell’Agenzia di scommesse “L’ultima scommessa”

Serena, Francesco

Francesco il Gestore– Allora, Serena, come va la scuola di teatro.

Serena– Faccio un sacco di progressi, ho imparato a fare l’albero.

Fancesco il Gestore– L’albero?

Serena– Sì, improvvisazione teatrale.

Fancesco il Gestore– Ti vedo un po’ stanca, però.

Serena– E’ sempre strano accorgersi dello stess accumulato senza averne consapevolezza. E’ un errore che faccio sempre: parto in quarta appena vado in vacanza, con le cose che volevo fare e che non avevo tempo per portare a compimento, salvo accorgermi che sono stanco morto, che non riesco a muovere un dito. Entro in uno stato di trance da cui riesco a uscire solo leggendo libri al di fuori della sfera professionale. Per esempio sto finendo di leggere un romanzo veramente inquietante dello scrittore cinese Mo Yan, che si intitola “Il paese dell’alcol”. Non lo consiglio agli stomaci teneri, ai deboli di cuore, ai palati grossolani. E’ un libro potentissimo, la discesa agli inferi di un ispettore di polizia nella Cina del guadagno facile e del facile arricchimento. Per apprezzare degnamente questo libro, e sfidare se stessi ad andare fino in fondo nella lettura, occorre molta curiosità, molto tempo, molta passione di grande letteratura.

Fancesco il Gestore– … allora, questo tuo amico arabo …

Serena– … è da tempo che mi chiedo cosa succederà quando quel filo si spezzerà …

Fancesco il Gestore– Riuscirai  a trovare un nuovo equilibrio o lo sommergerai con la sua disperazione?

Serena– E’ lui che è disperato, non io.

Fancesco il Gestore(Bevendo a una fiaschetta di wisky) Ti dispiace se butto giù qualcosa?

Serena– A quest’ora?

Fancesco il Gestore– Sì, perché no?

Serena– Fai pure!

Fancesco il Gestore– Sai che sto prendendo lezioni di chitarra?

Serena– Ah, sì?..

Fancesco il Gestore– Quando sono solo prendo la chitarra. E’ un ottimo antidoto contro la noia. E’ la chitarra che prende, il sottoscritto. E me la smielo come fa Chris Rea, col suo suono così bluesy, morbido, glissato, profondo. Ci gioco con la chitarra. Ho una vecchia Ibanez elettrica, niente a che vedere con le Fender Stratocaster che suonano i ragazzi di oggi, con quel manico vellutato come un romanzo erotico, ma va bene lo stesso.

Serena– … e la suoni bene?

Fancesco il Gestore– abbastanza.

Serena– Ieri mia nipote mi ha raccontato che in un pub una ragazzina, una bambina, ha scritto su una lavagna all’ingresso: “Datemi dei soldi, datemi la carta di credito che devo comprarmi l’i-phone”. Allucinante. Gli stiamo distruggendo il cervello, pensano solo alle cazzate, cazzate consumistiche …

Fancesco il Gestore– Tutti ce l’abbiamo distrutto, questo cazzo di cervello …

Serena(Avvicinandosi e accarezzandogli una mano) Sai che dovremmo uscire insieme qualche volta …

Fancesco il Gestore– … sì, sì … è una buona idea …

Serena– Ieri mi è capitata una cosa strana, strana almeno per me. Ci siamo fermato in un locale di Slot Machine e ci è scattata un’insana curiosità. Qualche giro di slot non guasta. Abbiamo cominciato a perdere alle slot, in quel gioco brutale e cieco. Allora, abbiamo deciso di rifarci alla roulette elettronica. Ci siamo sistemati nella comoda poltrona e abbiamno cominciato a giocare, ma all’inizio non abbiamo capito  bene come funzionava la macchina e abbiamo perso. Poi abbiamo cominciato a vincere, ma Walter sosteneva che se si mettono cinque sterline in una macchina da soldi bisogna farne almeno venti, se no non c’è partita e tante vale perderli tutti. Cosa che è avvenuta con impressionante precisione. I rari avventori ci guardavano come se fossimo degli animali rari. Nel locale c’era una zona fumatori. I rari avventori fumavano.


SCENA QUINTA

Nel Ristorante “Qui ti voglio”

 


SCENA SESTA

Ristorante “Qui ti voglio”

Marito, Moglie, Proprietaria del locale

Marito(Guardandosi in giro, nel ristorante) Non ce la faccio proprio …

Moglie(Un po’ sgomenta) Non riesco a sentirti …

Marito– Non ha importanza …

Moglie– Se parli più forte forse ti capisco …

Marito– Maria Luisa è tornata ma la vediamo pochissimo … sempre in giro con quell’amico inglese?

Moglie– E’ vero …

Marito– E’ vero cosa?

Moglie– Che è inglese  …

Marito- Appunto, l’ho appena detto.

Moglie– Sì, l’ho sentita ieri. Maria Luisa ha compiuto l’impresa di andare contromano in tre vie diverse nella zona dei Navigli, di saltare sul marciapiede senza sfasciare le ruote laterali, di cozzare una Dodge nuova di zecca senza farsi accorgere dal proprietario e tutto questo mentre cercava di spiegare a William  i misteri di Milano. Un pericolo pubblico. William  è uscito dalla macchina pallido come un cencio. Certo, William non è molto meglio alla guida: ha distrutto una macchina la prima volta che è uscita da solo. In coppia, costituiscono un serio pericolo per l’umanità. E poi ascoltano la musica rock a un volume da ricovero.

Marito– Quale?

Moglie– Quella di venire a trovarci …

Moglie– Gesù, Mario, è nostra figlia!

Evan– Sai cosa c’è?

Linsey– No, cosa?

Evan– E’ che mi vergogno …

Linsey– Per via di Alessandro …

Evan– Sì, forse … più in generale per questa dimesione di degrado

Linsey– Come hai detto, caro? Prova a parlare più forte …


SCENA SETTIMA

Aldo,  Mariella

Mariella– E così, suoni il sax …

Aldo– Ci provo

Mariella– No, Marion mi ha detto che sei molto bravo.

Aldo– Giudizio interessato.

Mariella– Bello il suono del sax.

Aldo I sassofonisti che conosco, quelli veramente bravi, dicono che il sax può suonare dolcemente come un clarinetto, ma anche in maniera brutale come un trombone. Tutto dipende dal labbro, dalla sensibilità e dalla pressione del labbro per far vibrare un pezzo di canna. La musica, per quanto possa essere andata avanti, ha qualcosa di primitvo addosso, che le rimane attaccato. Un pezzo di canna. E le migliori si trovano al sud della Francia. Non è strano, che per far vibrare un assudo meccanismo di chiavi e chiavette ci voglia un pezzo di canna?

Silenzio

Mariella – Curioso che ci troviamo qui, noi due …

Aldo– Fino a un certo punto

Mariella– In che senso …

Aldo– Ti devo parlare

Mariella– Di cosa?

Aldo– Vorrei spiegarti un po’ la situazione che hai trovato qui … le cose non sono come appaiono…

Mariella- Ossia?

Aldo– Ti hanno raccontato la storia di me come un tossicodipendente …

Mariella– Non lo sei?

Aldo– Sì, ma è come lo sono diventato che è una cosa che devi sapere …

Mariella– Come lo sei diventato?

Aldo– Sono nella squadra antidroga della città e in una sezione speciale contro la diffusione di nuove sostanze stupefacenti. Ora in particolare mi sto occupando del Krokodil … conoscosci il Krokodil?

Mariella– No, direi di no …

Aldo– Questa droga è diffusa soprattutto in Russia. L’ingrediente principale di questo mix letale è la codeina. Questo principio, però, è lo stesso contenuto nei principali farmaci per calmare la tosse, l’emicrania o nei medicinali contro il mal d’orecchie dei bambini, anche molto piccoli. Da qui la facilità nel reperirla, per poter confezionare la “miscela” letale di Krokodil, con un semplice fai-da-te. Alla codeina, infatti, vengono aggiunti semplice detersivo industriale, benzina, olio e iodio. Sostanze tutte facili da reperire, tanto che la droga viene definita “da strada” in Russia, dove è molto diffusa, ma anche in Ucraina e Bielorussia, dove il consumo è aumentato.

Mariella– Non ne sapevo niente …

Aldo– Siamo di fronte ad un mix di sostanze molto pericoloso. Provoca subito dipendenza gravi ed irreparabili danni ai tessuti.

Mariella– Ma è diffusa anche fuori dalla Russia?

Aldo– Certo. Gli effetti di Krokodil sono devastanti fin dalle primissime assunzioni: dopo le prime due iniezioni in endovena si crea dipendenza. Al primo contatto con i tessuti interni, li danneggia in modo irreparabile, dissolvendo il tessuto ossseo, mentre la pelle si squarcia, con la formazione di grosse piaghe, a volte così spesse da rendenre necessaria l’amputazione degli arti.

Mariella– Che disastro!

Aldo– La speranza di vita di chi assume Krokodil in modo continuativo è bassissima: da 1 a 3 anni. Solo 1 tossicodipendente su 100 riesce a disintossicarsi. Solo in Russia si stima che 100.000 ragazzi muoiano ogni anno per colpa di Krokodil, su una popolazione 2,6-6 milioni di tissicodipendenti. Tutti sono giovanissimi: l’età media è inferiore ai 30 anni, ma ci sono anche 12enni che ne fanno uso.

Mariella– Ma tu ne fai uso?

Aldo– No, faccio uso di altre sostanze … non riesco a uscirne … ma non posso rivelare niente in famiglia, per un’assurda regola di segretezza …

Mariella– Katia ne soffre moltissimo …

Aldo– Lo so, e mi dispiace, ma non posso farci nulla


SCENA OTTAVA

 

“Teatro e ricerca – Theater and Research” è un Sito
diretto da Antonio De Lisa

strisciata-teatro-e-ricderca

https://teatroericerca.org/

e-mail: lostorpheusmedia@gmail.com

Sede e Contatti – Location and Contacts:

Antonio De Lisa
c/o LOST ORPHEUS MULTIMEDIA: Via del Popolo, 127/129

85100 POTENZA (ITALY)

(0)39- 097137457 / Cell. 3333878854


Testi pubblicati per studio e ricerca – Uso non commerciale
Published texts for study and research-non-commercial use
© Copyright 2017 – Rights Reserved

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.

 



Categorie:B12- L'ultima scommessa, Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: